Post in evidenza

Draculea: "Un antidoto contro l'ateismo" - Parte 1

Secondo estratto di Draculea, nonché terzo articolo della rubrica ( Vi invito a leggere il precedente "il mistero di Ken" se non lo avete già fatto.) in collaborazione conVampire's Tears"Draculea - Alla scoperta dei figli delle tenebre".  Il documento in questione è stato estratto dal Libro III, capitolo VII dal libro di Hanry More "Un antidoto contro l'ateismo", scritto filosofico pubblicato nel 1662.
Breve biografia dell'autore: Nacque il il 12 ottobre 1614, a Grantham, Lincolnshire. Settimo figlio di Alessandro Moro e Anne More. Entrambi i suoi genitori erano calvinisti , ma egli  "non potrebbe mai ingoiare quella dottrina difficile.".Fu un filosofo inglese della scuola di Cambridge platonico.Era anche un teologo razionalista. Tentò di utilizzare i principi della filosofia meccanica - sviluppati da René Descartes -per stabilire l'esistenza di sostanze immateriali. Morì il primo settembre 1687. Un calzolaio di una cittadina indefin…

Pet Sematary


Titolo: Pet Sematary
Autore: Stephen King
Edizione: Sperling & Kupfer
Genere: Horror
Trama: In una limpida giornata di fine estate, la famiglia Creed si trasferisce in un tranquillo sobborgo residenziale di una cittadina del Maine. Non lontano dalla loro casa, al centro di una radura, sorge Pet Sematary, il cimitero dei cuccioli, un luogo dove i ragazzi del circondariato, secondo un'antica consuetudine, usano seppellire i propri animaletti. Ma ben presto la serena esistenza dei Creed viene sconvolta da una serie di episodi inquietanti e dall'improvviso ridestarsi di forze oscure e malefiche.



"Vita violenta, morte violenta. A volte un cane li acchiappava e li dilaniava, invece di limitarsi a dar loro la caccia come i cani maldestri e un po’ gonzi dei cartoni animati, oppure venivano uccisi da un altro gatto, o da una macchina di passaggio. I gatti erano i gangster del mondo animale, vivevano come fuorilegge e spesso come tali morivano. Molti di loro non invecchiavano accanto al fuoco."


Nonostante il titolo per nulla invitante Pet Semetary si è rivelato un libro meraviglioso, che è entrato a far parte dei miei preferiti. La storia con il trasferimento della famiglia Creed, composta da due bambini (Ellie e Gage) e i loro genitori (Louis e Rachel), in una cittadina tranquilla. Sono una famiglia come tutte le altre, con i loro problemi, la loro storia e un gatto, Church, a cui la figlia maggiore della coppia è molto legata. 
Appena giunti nella nuova casa sembra tutto perfetto; Louis e la sua famiglia fanno amicizia con i vicini Jud e Norma, una coppia di anziani. La loro vita sembra scorrere come sempre, scandita dal via vai di autocisterne e camion dirette a una fabbrica di fertilizzanti chimici, mentre lentamente strani episodi iniziano a rompere la stabilità della quotidianità, episodi che si intensificano nel momento in cui si tenta di sovvertire l'ordine naturale delle cose. 
Il libro parla della morte, della paura degli uomini  di morire o di perdere una persona cara e  la loro incapacità  di accettare questa fase della vita. Ogni personaggio in Pet Sematary ha un suo modo di affrontare la morte, accogliendola o meno quando invade la loro vita.  
Il terrore per la maggior parte del romanzo si nasconde tra le righe, nei racconti di Jud che Louis sta ad ascoltare durante il loro appuntamento serale, nei sogni e nei ricordi di ogni personaggio, per poi palesarsi all'improvviso e sconvolgerti. 
Come ho fatto intendere in precedenza, ho adorato questo libro; è riuscito a farmi sorridere e piangere facendomi vivere quella storia come se fossi un essere presente all'interno del racconto ma invisibile a gli occhi dei personaggi. Lo consiglio a tutti, perché nonostante possa apparire come una comune storia dell'orrore manda un messaggio forte e chiaro: "la morte non si può raggirare, è inevitabile."


Commenti

Post popolari in questo blog

Energia e vampiri

Jack pazzia e amore: i conflitti di un serial killer.

Cronache del vampirismo: "Sepolture insolite."