Post in evidenza

Draculea: "Un antidoto contro l'ateismo" - Parte 1

Secondo estratto di Draculea, nonché terzo articolo della rubrica ( Vi invito a leggere il precedente "il mistero di Ken" se non lo avete già fatto.) in collaborazione conVampire's Tears"Draculea - Alla scoperta dei figli delle tenebre".  Il documento in questione è stato estratto dal Libro III, capitolo VII dal libro di Hanry More "Un antidoto contro l'ateismo", scritto filosofico pubblicato nel 1662.
Breve biografia dell'autore: Nacque il il 12 ottobre 1614, a Grantham, Lincolnshire. Settimo figlio di Alessandro Moro e Anne More. Entrambi i suoi genitori erano calvinisti , ma egli  "non potrebbe mai ingoiare quella dottrina difficile.".Fu un filosofo inglese della scuola di Cambridge platonico.Era anche un teologo razionalista. Tentò di utilizzare i principi della filosofia meccanica - sviluppati da René Descartes -per stabilire l'esistenza di sostanze immateriali. Morì il primo settembre 1687. Un calzolaio di una cittadina indefin…

Vodka&Inferno - La morte fidanzata.

Titolo: Vodka&Inferno - La morte Fidanzata
Autore: Penelope delle Colonne
Casa editrice: Milena edizioni
Genere:Gotico, Horror, Fantasy
Trama: 1894, Venezia. Frattaglia, ladro di cadaveri, si innamora di un ragazzo senza vita ritrovato nella laguna. Unici segni distintivi: un anello e una cicatrice sul suo volto. Rintracciato dai famigliari, Frattaglia riuscirà a scoprire l'identità del giovane: Viktor Mickalov, nobile russo. 
Ossessionato dall'idea di perdere l'oggetto del suo amore, il ladro si mette al servizio di Gaspare Mallardo, zio di Viktor e burattinaio, che ha il gravoso compito di portare la salma a Soroka, tenebroso paesino russo. Ma Viktor risorge, dopo il suo funerale: è ormai un Vampiro


" Ti dirò tra un bacio e un morso che l’amore è desiderio che mai si appaga e tutto distrugge."


Vodka&Inferno è libro fatto di amore e risentimento, sangue e vodka, fuoco e neve. In questo libro vengono trattati temi delicati e anche il legame che può unire una famiglia, un legame che il sangue sigilla e rende unico, perché il sangue non è acqua ed è prezioso.
Inizialmente il libro mi si è presentato come una storia d'amore tra, Frattaglia - un giovane adottato da una famiglia di indecenti ladri di cadaveri - e il corpo di un giovane senza nome dal volto sfigurato che ha perso la vita, gettandosi da un ponte. Egli desidera solo stare con il suo amato e per questo fa di tutto per convincere un parente del ragazzo a portarlo con sé nella terra natia del giovane dove verrà sepolto. Il giovane infatti è un giovane ragazzo russo, di nome Viktor, che proviene da una famiglia nobile molto unita - ciò si capisce fin dalle prime pagine -: la famiglia Mickalov 
La prima cosa che mi ha colpito di questo romanzo è che sia ambientato in Russia e abbia al suo interno personaggi russi e italiano, o una mescolanza delle due etnie, un po' come me che posseggo nelle mie vene sia sangue italiano, che il sangue russo di mia madre. 
Le ambientazioni, inoltre, sono descritte bene e lasciano ampio spazio di immaginazione al lettore, almeno inizialmente, successivamente scemano e si perdono per cedere il posto a gli eventi.
I personaggi sono tutti costruiti in modo da essere tutti diversi, senza somiglianze nel modo di fare o nel modo di pensare e agire e ognuno - o quasi -  ha una quantità diversa di rancore verso qualcuno; come Viktor che appare così freddo e crudele, quando in realtà in sé possiede solo rancore verso chi ha sfigurato il suo volto e chi l'ha deriso per la sua condizione.
Questa saga inoltre tratta temi delicati, senza mezzi termini, con eventi forti che molti non potrebbero apprezzare e anche io ho avuto difficoltà a tollerarli talvolta. 
Ho apprezzato molto lo stile dell'autrice e la narrazione lenta d'inizio libro, una narrazione che si fa sempre più veloce e che si sovraccarica di colpi di scena e di eventi che, ahimè, mi hanno fatto capire ben poco cosa stesse accadendo e perché. 
Non è il solito romanzo gotico, poiché in esso non vi è un genere completamente definito, ma è una lettura coinvolgente e piacevole, che consiglio a chiunque sia in grado di reggere scene forti e ami il genere gotico e l'horror.

Commenti

Post popolari in questo blog

Energia e vampiri

Jack pazzia e amore: i conflitti di un serial killer.

Cronache del vampirismo: "Sepolture insolite."