Post in evidenza

Draculea: "Un antidoto contro l'ateismo" - Parte 1

Secondo estratto di Draculea, nonché terzo articolo della rubrica ( Vi invito a leggere il precedente "il mistero di Ken" se non lo avete già fatto.) in collaborazione conVampire's Tears"Draculea - Alla scoperta dei figli delle tenebre".  Il documento in questione è stato estratto dal Libro III, capitolo VII dal libro di Hanry More "Un antidoto contro l'ateismo", scritto filosofico pubblicato nel 1662.
Breve biografia dell'autore: Nacque il il 12 ottobre 1614, a Grantham, Lincolnshire. Settimo figlio di Alessandro Moro e Anne More. Entrambi i suoi genitori erano calvinisti , ma egli  "non potrebbe mai ingoiare quella dottrina difficile.".Fu un filosofo inglese della scuola di Cambridge platonico.Era anche un teologo razionalista. Tentò di utilizzare i principi della filosofia meccanica - sviluppati da René Descartes -per stabilire l'esistenza di sostanze immateriali. Morì il primo settembre 1687. Un calzolaio di una cittadina indefin…

Penny Dreadful - Sensational Tales of Terror

Qualche giorno fa ho acquistato u tomo, chiamato Penny Dreadfuls Sensational Tales of Terror edito da Barnes & Noble Inc per la collana&nbBarnes & Noble Leatherbound Classic Collection. Si tratta di un libro rilegato, con al suo interno
differenti racconti, per l'appunto dei Penny Dreadful; di cui ho parlato qualche tempo fa in un post: Penny Dreadful: "i racconti che terrorizzarono Londra"

Il libro ha la copertina rigida, apparentemente molto resistente, e con le decorazioni (che vedete nell'immagine) in rilievo, inoltre il bordo delle pagine è interamente argenteo. La stessa raccolta è presente anche con una copertina differente (altra copertina).

Arriva imballato del cellofan e dotato di un nastrino che fa da segnalibro, un po' come nelle agende.
Al suo interno si trovano 680 pagine, divise in diversi racconti, alcuni effettivamente dei Penny Dreadful e altri no... è un qualcosa che mi ha un po' deluso anche se i racconti sono tutti dell'orrore, come il pozzo e il pendolo di Edgar Allan Poe. Le pagine sono lisce al tatto e la carta sembra di ottima qualità, come la stampa, tuttavia al suo interno non i trovano illustrazioni di alcun genere (se non per una pagina che riporta il motivo della copertina) e non vengono neanche utilizzati caratteri particolari per i titoli dei racconti o altro. Il libro così appare ordinato al suo interno, ma nulla di visivamente entusiasmante.

Si tratta di un volume che vale sicuramente i soldi spesi, anche solamente per la copertina, ma devo dire di essere rimasta un po' delusa per non essermi ritrovata la stessa cura all'interno. Consiglio tuttavia il libro a coloro che amano non solo i racconti dell'orrore ma anche a chi ama semplicemente collezionare libri particolari.

Link per acquistarlo:

Commenti

Post popolari in questo blog

Energia e vampiri

Jack pazzia e amore: i conflitti di un serial killer.

Cronache del vampirismo: "Sepolture insolite."