Post in evidenza

Draculea: "Un antidoto contro l'ateismo" - Parte 1

Secondo estratto di Draculea, nonché terzo articolo della rubrica ( Vi invito a leggere il precedente "il mistero di Ken" se non lo avete già fatto.) in collaborazione conVampire's Tears"Draculea - Alla scoperta dei figli delle tenebre".  Il documento in questione è stato estratto dal Libro III, capitolo VII dal libro di Hanry More "Un antidoto contro l'ateismo", scritto filosofico pubblicato nel 1662.
Breve biografia dell'autore: Nacque il il 12 ottobre 1614, a Grantham, Lincolnshire. Settimo figlio di Alessandro Moro e Anne More. Entrambi i suoi genitori erano calvinisti , ma egli  "non potrebbe mai ingoiare quella dottrina difficile.".Fu un filosofo inglese della scuola di Cambridge platonico.Era anche un teologo razionalista. Tentò di utilizzare i principi della filosofia meccanica - sviluppati da René Descartes -per stabilire l'esistenza di sostanze immateriali. Morì il primo settembre 1687. Un calzolaio di una cittadina indefin…

Fantasmi sul Tamigi

Titolo: Fantasmi sul Tamigi
Autore: Mala Spina
Genere: Horror, Gotico, Fantasy
Trama: Le cose si mettono sempre peggio per Ginny, tutti i suoi propositi di vendetta sono difficilmente realizzabili e la non-vita a cui è condannata sembra senza ritorno.La ragazza scopre di essere diventata il nuovo passatempo di Lord Richmond e di riuscire in parte a resistergli. Huges, il mutaforma e unico amico all’interno della villa, è scomparso dopo le vicende di Whitechapel mentre Wright, lo stregone senza emozioni umane, non pare un alleato così affidabile. Il precario equilibrio di Londra sta per essere scosso quando qualcuno di pericoloso si interessa al gruppo di strane creature di Bishop Road. Il cosiddetto “Circolo di gentiluomini” di cui fa parte Doyle, l’irlandese conosciuto a Whitechapel, ha intenzione di tessere un’elaborata trappola apposta per loro. La minaccia del Mangia Anime attende i mostri di Londra.


"𝕸𝖔𝖘𝖙𝖗𝖔 𝖔 𝖚𝖒𝖆𝖓𝖔, 𝖊𝖗𝖆 𝖈𝖔𝖒𝖊 𝖙𝖚𝖙𝖙𝖎 𝖌𝖑𝖎 𝖆𝖑𝖙𝖗𝖎. 𝕬𝖓𝖈𝖍𝖊 𝖑𝖚𝖎 𝖉𝖊𝖘𝖎𝖉𝖊𝖗𝖆𝖛𝖆 𝖎𝖑 𝖕𝖔𝖙𝖊𝖗𝖊."


Il terzo volume della saga Victorian Horror Story di Mala Spina non delude affatto le mie aspettative, ma con il suo stile e i suoi personaggi anche in questo romanzo mi ha catapultata nella Londra vittoriana per mostrarmi ciò che accade tra le ombre, nei luoghi in cui il vittoriano medio non osava posare neanche lo sguardo.
Lo stile dell’autrice in questo romanzo prosegue l’evoluzione che era già in atto nel secondo volume, affinando la narrazione, le descrizioni e il linguaggio dei personaggi, perfettamente in linea con l’epoca in cui sono ambientate le vicende. La lettura risulta così ancora più piacevole e suggestiva nelle descrizioni degli ambienti notturni in cui le scene si svolgono; tra e ombre e i vicoli più squallidi di Londra.
Ginny diventa sempre più forte, desiderosa di essere lei stessa a decidere per sé stessa e il suo destino, rispecchiando appieno il movimento femminista che in età vittoriana vedeva i suoi albori con le suffragette. Lei continua ad evolvere la sua condizione a cercare un mezzo per riscattarsi, visto che ormai non è lei ad essere fragile e indifesa ma chi la circonda. Si scoprono altri aspetti del suo carattere, tra cui la sua furbizia e il gran controllo di sé. Degli altri personaggi, invece, veniamo a sapere di più e possiamo conoscerli meglio ed innamorarcene, infatti Richmond mi ha stregato e credo sia tutto dovuto al fascino e carisma che il suo essere emana.
La narrazione è scorrevole, si sussegue con dinamicità, lasciandoci senza fiato e desiderosi di continuare a leggere e scoprire di più. Alcune scene sono molto evocativa, infatti mi hanno portato alla mente condizioni e situazioni comuni in quell’epoca, seppur descritte e viste in un modo completamente artistico dall’autrice che ha dipinto ogni cosa con estrema maestria. Ho molto apprezzato le scene più tranquille, in cui si potevano vedere altre facce dei personaggi e approfondire il loro aspetto psicologico in modo differente fino ad allora. I colpi di scena finali mi hanno portato a desiderare ardentemente il seguito, di scoprire come sarebbe andato a finire il tutto e cosa sarebbe successo.
Non vedo l’ora di leggere il seguito.

Commenti

Post popolari in questo blog

Energia e vampiri

Jack pazzia e amore: i conflitti di un serial killer.

Cronache del vampirismo: "Sepolture insolite."