Post in evidenza

Draculea: "Un antidoto contro l'ateismo" - Parte 1

Secondo estratto di Draculea, nonché terzo articolo della rubrica ( Vi invito a leggere il precedente "il mistero di Ken" se non lo avete già fatto.) in collaborazione conVampire's Tears"Draculea - Alla scoperta dei figli delle tenebre".  Il documento in questione è stato estratto dal Libro III, capitolo VII dal libro di Hanry More "Un antidoto contro l'ateismo", scritto filosofico pubblicato nel 1662.
Breve biografia dell'autore: Nacque il il 12 ottobre 1614, a Grantham, Lincolnshire. Settimo figlio di Alessandro Moro e Anne More. Entrambi i suoi genitori erano calvinisti , ma egli  "non potrebbe mai ingoiare quella dottrina difficile.".Fu un filosofo inglese della scuola di Cambridge platonico.Era anche un teologo razionalista. Tentò di utilizzare i principi della filosofia meccanica - sviluppati da René Descartes -per stabilire l'esistenza di sostanze immateriali. Morì il primo settembre 1687. Un calzolaio di una cittadina indefin…

Finchè morte non vi separi

Titolo: Finché morte non vi separi
Casa editrice: Abeditore 
Prezzo di copertina: 6,90
Trama: Credete nel "…e vissero tutti felici e contenti” Bene, questo libro non fa per voi. Il lieto fine che fa giubilare il cuore e luccicare gli occhi di commozione non abita qui; tra queste pagine troverete l’Amore che trascende la felicità per elevarsi all’Eterno, oltre la Morte, oltre la paura. Non c’è tempo per le promesse di giorni gioiosi, i racconti diFinché morte non vi separi;narrano storie lugubri e ultraterrene il cui filo conduttore – l’Amore, certo, ma quello fatale – conduce il lettore tra i meandri oscuri del sentimento umano più puro e micidiale, rendendo persino l’orrore una speranza a cui potersi aggrappare.Vera, Il Monte delle Anime, La Tromba di Rubly, Allez…!, Il Promesso Spettro sono i titoli – magistralmente narrati da penne incredibili – che danno vita a questo volume in cui si rilegge il tema universale per eccellenza in chiave gotica senza che esso risulti, però,meno poetico e delicato.



"𝕼𝖚𝖆𝖓𝖉𝖔 𝖓𝖔𝖓 𝖘𝖆𝖗𝖆𝖎 𝖕𝖎ù 𝖕𝖆𝖗𝖙𝖊 𝖉𝖎 𝖒𝖊 𝖗𝖎𝖙𝖆𝖌𝖑𝖎𝖊𝖗ò 𝖉𝖆𝖑 𝖙𝖚𝖔 𝖗𝖎𝖈𝖔𝖗𝖉𝖔 𝖙𝖆𝖓𝖙𝖊 𝖕𝖎𝖈𝖈𝖔𝖑𝖊 𝖘𝖙𝖊𝖑𝖑𝖊, 𝖆𝖑𝖑𝖔𝖗𝖆 𝖎𝖑 𝖈𝖎𝖊𝖑𝖔 𝖘𝖆𝖗à 𝖈𝖔𝖘ì 𝖇𝖊𝖑𝖑𝖔 𝖈𝖍𝖊 𝖙𝖚𝖙𝖙𝖔 𝖎𝖑 𝖒𝖔𝖓𝖉𝖔 𝖘𝖎 𝖎𝖓𝖓𝖆𝖒𝖔𝖗𝖊𝖗à 𝖉𝖊𝖑𝖑𝖆 𝖓𝖔𝖙𝖙𝖊."

Rimango sempre estasiata nel leggere questi piccoli volumi editi dall'abeditori; piccoli eppure curati in ogni minimo dettaglio. In Finché morte non vi separi, un volumetto di poco più di cento pagine (136, per l'esattezza) la cura dei particolari è maniacale, perfetta, così da coinvolgere il lettore non solo grazie alle parole dei racconti contenuti nel libro, ma anche grazie alla grafica avvincente e che si scopre racconto dopo racconto, mentre si va avanti accompagnati da una sinfonia creata da immagini e parole.  
Il piccolo volumetto contiene cinque racconti: Il promesso spettro di Washington Irving, Il monte delle anime di Gustaco Adolfo Bécquer, Vera di A. Villiers de L'Isle-Adam, Allez di Aleksandr Ivanovic Kuprin e La tomba di Rubly di Antonio Ghislanzoni. 
Tutti questi racconti parlano d'amore, un'amore intriso di orrore, mistero, che si fa largo in scenari raccapriccianti e capaci di accapponare la pelle. Sono racconti brevi, scritti da menti differenti e con stili differenti, ma che fluiscono facilmente sotto gli occhi del lettore. 
Essendo di veloce lettura può rendere particolare qualche ora della giornata, magari accompagnato da del Tè, perciò lo consiglio a chiunque stia cercando qualcosa da leggere e che faccia una certa figura in libreria.

Commenti

Post popolari in questo blog

Energia e vampiri

Jack pazzia e amore: i conflitti di un serial killer.

Cronache del vampirismo: "Sepolture insolite."