Post in evidenza

Draculea: "Un antidoto contro l'ateismo" - Parte 1

Secondo estratto di Draculea, nonché terzo articolo della rubrica ( Vi invito a leggere il precedente "il mistero di Ken" se non lo avete già fatto.) in collaborazione conVampire's Tears"Draculea - Alla scoperta dei figli delle tenebre".  Il documento in questione è stato estratto dal Libro III, capitolo VII dal libro di Hanry More "Un antidoto contro l'ateismo", scritto filosofico pubblicato nel 1662.
Breve biografia dell'autore: Nacque il il 12 ottobre 1614, a Grantham, Lincolnshire. Settimo figlio di Alessandro Moro e Anne More. Entrambi i suoi genitori erano calvinisti , ma egli  "non potrebbe mai ingoiare quella dottrina difficile.".Fu un filosofo inglese della scuola di Cambridge platonico.Era anche un teologo razionalista. Tentò di utilizzare i principi della filosofia meccanica - sviluppati da René Descartes -per stabilire l'esistenza di sostanze immateriali. Morì il primo settembre 1687. Un calzolaio di una cittadina indefin…

Il vampiro di Polidori - Graphic Novel

Titolo: John Polidori
Autore: Luca Franceschini e Gabriel Negri
Genere: Horror, Gotico
Casa Editrice: NPE 
Trama: Questa è la storia del giovane inglese Aubrey e del suo inesorabile sprofondamento nell'abisso. L'incontro con il misterioso Lord Ruthven lo condurrà dalla bellezza e dallo sfarzo dei salotti londinesi di inizio 1800 fino alla follia e alla dannazione eterna. Il racconto venne pensato durante la notte del 16 giugno 1816 a Villa Diodati, sulle rive del lago di Ginevra, dove John Polidori stava soggiornando insieme a lord Byron e ad un gruppo di letterati e intellettuali, tra cui Percy Bysshe Shelley e sua moglie Mary. Ispirati dalla lettura di un vecchio volume di novelle fantastiche dal titolo Fantasmagoriana, alcuni di loro diedero vita a una "scommessa" letteraria: ognuno avrebbe scritto un racconto fantastico. Fu proprio quella notte che nacquero Frankenstein di Mary Shelley e Il Vampiro di John Polidori, opere che getteranno le basi per lo sviluppo di moderni generi letterari quali la fantascienza, l'horror e il romanzo gotico moderno. Riprendendo spunti accennati da Blake, Coleridge e Wordsworth e unendoli a elementi del folklore europeo, John Polidori, infatti, plasma la figura del succhiasangue ad oggi più conosciuta: quella dell'affascinante e diabolica creatura dai modi aristocratici che cerca le sue prede nell'alta società


La graphic novel del vampiro di John Polidori è un'opera breve, che riprende magistralmente il racconto e ne ripercorre ogni minima parte. Interessante non è solo la storia, ma anche l'appendice, che ripercorre la genesi del racconto e non solo, poiché ripercorre anche la sua storia editoriale e l'influenza che ebbe sull'intera letteratura. 
Tutte le tavole sono in bianco e nero, tanto da ricordare un vecchio film, in cui viene esaltato il contrasto di luci e di ombre. 
I dialoghi sono brevi e sparsi. Il tutto scorre con fluidità e senza troppa rapidità, dando tempo al tutto, senza affrettare i tempi.  Alcune tavole, a mio parere, sono stupende e permettono di riassumere la descrizione fatta da Polidori senza ricorrere ad onomatopee o altri stratagemmi.
Credo sia un volume d'avere nella propria collezione, almeno per quanto mi riguarda doveva entrare assolutissimamente nella mia collezione.
Lo consiglio a tutti gli amanti dei vampiri e specialmente a gli amanti del racconto, di cui ho già parlato ampiamente in i seguenti articoli:
Il vampiro che gli rubo la vita.
Prima di dracula il vampiro vampirismo.
Vi lascio qui il link per acquistare il volume:

Commenti

Post popolari in questo blog

Energia e vampiri

Jack pazzia e amore: i conflitti di un serial killer.

Cronache del vampirismo: "Sepolture insolite."