Post in evidenza

Draculea: "Un antidoto contro l'ateismo" - Parte 1

Secondo estratto di Draculea, nonché terzo articolo della rubrica ( Vi invito a leggere il precedente "il mistero di Ken" se non lo avete già fatto.) in collaborazione conVampire's Tears"Draculea - Alla scoperta dei figli delle tenebre".  Il documento in questione è stato estratto dal Libro III, capitolo VII dal libro di Hanry More "Un antidoto contro l'ateismo", scritto filosofico pubblicato nel 1662.
Breve biografia dell'autore: Nacque il il 12 ottobre 1614, a Grantham, Lincolnshire. Settimo figlio di Alessandro Moro e Anne More. Entrambi i suoi genitori erano calvinisti , ma egli  "non potrebbe mai ingoiare quella dottrina difficile.".Fu un filosofo inglese della scuola di Cambridge platonico.Era anche un teologo razionalista. Tentò di utilizzare i principi della filosofia meccanica - sviluppati da René Descartes -per stabilire l'esistenza di sostanze immateriali. Morì il primo settembre 1687. Un calzolaio di una cittadina indefin…

Quarantena col vampiro - L'invitato di Dracula

L'invitato di Dracula, da come è presentato dalla prefazione della moglie Florence, è un racconto che Bram Stoker aveva deciso di prenotare poco prima della sua morte. Questo episodio è stato infatti manipolato all'interno dal racconto per via della lunghezza del romanzo. 
Florence Bram Stoker afferma: 

"Se mio marito fosse vissuto più a lungo, avrebbe potuto ritenere opportuna una revisione di questo lavoro, che risale in gran parte ai primi anni della sua vita intensa. Ma, poiché il destino ha affidato a me di presentarlo, ritengo opportuno e giusto lasciarlo uscire praticamente come è stato lasciato da lui."


L'episodio di svolge nel pomeriggio che precede la notte di Valpurga, una notte in cui secondo la tradizione popolare il diavolo si manifesti e i morti risorgano per camminare nuovamente sulla terra. In quel pomeriggio Jonathan Harker desidera visitare i dintorni di Monaco in carrozza e nessuno riesce a dissuaderlo. A un certo punto della "gita" in carrozza il viaggiatore inglese nota una stradina “che pareva affondare in una piccola vallata ventosa” e propone di seguirla. Johann, il cocchiere, rifiuta terrorizzato, poiché essa porta ad un villaggio abbandonato, creduto maledetto. Sprezzante della paura del cocchiere, Jonathan decide di recarsi in quel luogo a piedi.

Si tratta di una lettura veloce e che, a mio parere, aggiunge qualcosa alla storia di Dracula, perfetto per gli appassionati.
Potete trovare il racconto in questi diversi volumi:

Link generico!

Commenti

Post popolari in questo blog

Energia e vampiri

Jack pazzia e amore: i conflitti di un serial killer.

Cronache del vampirismo: "Sepolture insolite."