Post in evidenza

Draculea: "Un antidoto contro l'ateismo" - Parte 1

Secondo estratto di Draculea, nonchΓ© terzo articolo della rubrica ( Vi invito a leggere il precedente "il mistero di Ken" se non lo avete giΓ  fatto.) in collaborazione conVampire's Tears"Draculea - Alla scoperta dei figli delle tenebre".  Il documento in questione Γ¨ stato estratto dal Libro III, capitolo VII dal libro di Hanry More "Un antidoto contro l'ateismo", scritto filosofico pubblicato nel 1662.
Breve biografia dell'autore: Nacque il il 12 ottobre 1614, a Grantham, Lincolnshire. Settimo figlio di Alessandro Moro e Anne More. Entrambi i suoi genitori erano calvinisti , ma egli  "non potrebbe mai ingoiare quella dottrina difficile.".Fu un filosofo inglese della scuola di Cambridge platonico.Era anche un teologo razionalista. TentΓ² di utilizzare i principi della filosofia meccanica - sviluppati da RenΓ© Descartes -per stabilire l'esistenza di sostanze immateriali. MorΓ¬ il primo settembre 1687. Un calzolaio di una cittadina indefin…

Quarantena col Vampiro - Quel vampiro di Lovecraft

"𝕹𝖔𝖓 π–˜π–” π–•π–Šπ–—π–ˆπ–Γ© 𝖑'𝖍𝖔 𝖋𝖆𝖙𝖙𝖔. π•²π–Žπ–šπ–—π–” π–ˆπ–π–Š 𝖓𝖔𝖓 𝖑𝖔 π–˜π–”. π•±π–”π–—π–˜π–Š π–Šπ–—π–” π–•π–†π–Ÿπ–Ÿπ–”. π•Ίπ–Œπ–“π–Ž 𝖛𝖔𝖑𝖙𝖆 π–ˆπ–π–Š π–’π–Ž 𝖗𝖆𝖉𝖔 π–’π–Ž π–›π–Žπ–Šπ–“π–Š 𝖑𝖆 𝖇𝖆𝖛𝖆 𝖆𝖑𝖑𝖆 π–‡π–”π–ˆπ–ˆπ–†.
𝕾ì, π–›π–”π–Œπ–‘π–Žπ–” π–†π–’π–’π–Šπ–™π–™π–Šπ–—π–‘π–”. 𝕾𝖔𝖓𝖔 π–•π–†π–Ÿπ–Ÿπ–”. π•Ώπ–šπ–™π–™π–Ž π–˜π–”π–“π–” π–•π–†π–Ÿπ–Ÿπ–Ž π––π–šπ–Ž, π–Žπ–“ π––π–šπ–Šπ–˜π–™π–” π–’π–†π–“π–Ž­π–ˆπ–”π–’π–Žπ–”. π•»π–Šπ–—π–‹π–Žπ–“π–” π–Œπ–‘π–Ž π–˜π–ˆπ–†π–—π–†π–‹π–†π–Œπ–Œπ–Ž π–˜π–”π–“π–” π–•π–Šπ–—π–˜π–”π–“π–Š π–Žπ–’π–•π–”π–—π–™π–†π–“π–™π–Ž.
π•Ύπ–Š π–˜π–”π–‘π–” 𝖑'π–†π–›π–Šπ–˜π–˜π–Ž π–˜π–†π–•π–šπ–™π–”! 𝕸𝖆 π–ˆπ–”π–’π–Š π–•π–”π–™π–Šπ–›π–” π–˜π–†π–•π–Šπ–—π–‘π–”? «π•Ύπ–Žπ–Šπ–™π–Š π–ˆπ–”π–—π–‰π–Žπ–†π–‘π–’π–Šπ–“π–™π–Š π–Žπ–“π–›π–Ž­π–™π–†π–™π–” 𝖆 π–ˆπ–Šπ–“π–† 𝖉𝖆 𝕳. 𝕻. π•·π–”π–›π–Šπ–ˆπ–—π–†π–‹π–™», π–‰π–Žπ–ˆπ–Šπ–›π–† π–Žπ–‘ π–‡π–Žπ–Œπ–‘π–Žπ–Šπ–™π–™π–” 𝖉'π–Žπ–“π–›π–Žπ–™π–”. 𝕰 π–Žπ–”, π–ˆπ–”π–’π–Š π–šπ–“ π–‹π–”π–‘π–‘π–Š, 𝖍𝖔 π–†π–ˆπ–ˆπ–Šπ–™π–™π–†π–™π–”."

Quel vampiro di Lovecraft Γ¨ un racconto breve di Robert Bloch.
Si tratta di un racconto che ha per protagonista un giovane uomo, di cui non sappiamo praticamente nulla, che viene invitato a pranzo da Lovecraft; proprio il Lovecraft che scrisse i miti del Cthulhu.
A suo tempo lo scrittore era conosciuto per intrattenere una vastissima corrispondenza con alcuni suoi colleghi, ma in pochissimi tra quelli lo incontrarono di persona.
Il suo isolamento portΓ² la sua figura ad essere al centro di numerose leggende che lo vedono come protagonista. In alcune di queste leggende egli era un ecclesiastico a riposo, un anziano professore di Scienze Occulte e  alcune lo dipingevano recluso in una casa di malati da stupefacenti, quando in realtΓ  lo scrittore non aveva semplicemente il denaro per viaggiare.
Bloch, che aveva intrattenuto da giovane una corrispondenza con lo scrittore, in questo racconto ironizza sulle leggende che circolavano.
Il Lovecraft che egli dipinge Γ¨ anziano, ma ha un qualcosa di singolare, un qualcosa che Γ¨ svelato giΓ  dal titolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Energia e vampiri

Jack pazzia e amore: i conflitti di un serial killer.

Cronache del vampirismo: "Sepolture insolite."