Post in evidenza

Draculea: "Un antidoto contro l'ateismo" - Parte 1

Secondo estratto di Draculea, nonché terzo articolo della rubrica ( Vi invito a leggere il precedente "il mistero di Ken" se non lo avete già fatto.) in collaborazione conVampire's Tears"Draculea - Alla scoperta dei figli delle tenebre".  Il documento in questione è stato estratto dal Libro III, capitolo VII dal libro di Hanry More "Un antidoto contro l'ateismo", scritto filosofico pubblicato nel 1662.
Breve biografia dell'autore: Nacque il il 12 ottobre 1614, a Grantham, Lincolnshire. Settimo figlio di Alessandro Moro e Anne More. Entrambi i suoi genitori erano calvinisti , ma egli  "non potrebbe mai ingoiare quella dottrina difficile.".Fu un filosofo inglese della scuola di Cambridge platonico.Era anche un teologo razionalista. Tentò di utilizzare i principi della filosofia meccanica - sviluppati da René Descartes -per stabilire l'esistenza di sostanze immateriali. Morì il primo settembre 1687. Un calzolaio di una cittadina indefin…

The Judge's House - La casa del giudice

The Judge's House è un racconto di Bram Stoker pubblicato nel 1891. In Italia il racconto è conosciuto con il nome "La casa del giudice" o "Uno spettro ti impiccherà". Il protagonista è un giovane studente universitario di matematica che, per dedicarsi meglio ai propri studi prima della tesi di laurea, decide di scegliere a caso una località sconosciuta. Una località in cui non conosceva niente e nessuno, così da non avere distrazioni. Malcolm Malcomson, il protagonista, arriva casualmente così nel paesino di Benchurch, venendo subito attratto da una casa in particolare; una casa con una campana sul tetto. Cercando informazioni sulla casa, viene a conoscenza di alcune dicerie su quest'ultima, delle voci che riguardano il precedente proprietario, ma incurante di queste si stabilisce nella casa e inizia così la sua piccola avventura. Avendo io letto il testo in lingua originale, non so darvi molte informazioni sullo stile, ma posso dirvi per certo che la mano di Stoker è perfettamente riconoscibile. Il racconto non è lungo e anche in lingua inglese il testo risulta perfettamente comprensibile nella sua interezza. Sono stata affascinata dal modo in cui viene descritta la casa e la storia dietro, ma anche la particolarità della creatura.
Leggendo il racconto mi sono chiesta se questa fosse un vampiro o uno spettro, tuttavia non sono giunta a una reale conclusine, sebbene alcune connotazioni - come la forma di topo che quest'ultima assume - mi facciano pensare che effettivamente si parli di un vampiro.
Credo sia comunque un racconto piacevole, da leggere se si è fan di Bram Stoker o incuriosito dalla possibilità di leggere qualcosa di diverso dello stesso autore.
Vi lascio i link dei due volumi che posseggo e in cui è possibile trovare il racconto, ma anche di altre pubblicazioni in italiano per chi fosse curioso e non pratico con l'inglese:


Commenti

Post popolari in questo blog

Energia e vampiri

Jack pazzia e amore: i conflitti di un serial killer.

Cronache del vampirismo: "Sepolture insolite."